sabato 5 settembre 2009

Membri politici




« Abbeveratevi alla disinformazione di cui siete protagonisti ». È il giudizio del signor B. sul sistema informativo del nostro paese. Dal tono e dal volume, si presume che il B. abbia anche schiaffeggiato i giornalisti che l'attendevano stipati in attesa di una sua dichiarazione, sputato per terra e esploso in aria alcuni colpi con il canne mozze . Di opinioni isteriche, per altro, sono piene le cronache politiche di questo paese. Non tutte al livello paraplegico di questa qui- non per nulla è lui il leader-. Molti esponenti politici paiono pentole a pressione con la valvola otturata. Un fischio strozzato per confondere l' insulto e le parole di spregio, il rozzo liquidare questioni serie con sciabolate verbali, sono prassi quotidiana. L' impressione è quella di un paese che prima ancora di essere fazioso è profondamente zoticone: proprio nel senso vituperato del termine. La faziosità, in sé, sarebbe anche sopportabile, se suffragata da qualche tesi ben espressa, qualche dato certo, qualche accortezza formale. Invece c' è lui, il B. ossia il vero detentore dell'informazione, della stessa informazione che critica, in giro a dare lezioni di vita agli altri, senza accorgersi di avere la zip aperta e qualche ciondolo da dare in dono, ancora in tasca.

44 commenti:

Arci ha detto...

Il sig. B ha un ego troppo sviluppato per accontentarsi della maggioranza: vorrebbe l'unanimità !!

Con l'impero Mediaset di cui è proprietario insieme ad un paio di giornali e case editrici e con quello RAI che controlla al 70%, prendersela con l'informazione è davvero esagerato.

Per sua fortuna ha degli avversari insulsi.
Quindi tocca tenercelo.

Leftorium, il blog Riformista ha detto...

Sono in disaccordo con Arci. Potresti avere anche l'opposizione più "cazzuta" di questo mondo, con i numeri che ha in Parlamento ti terresti lo stesso, per tutto il tempo, Mr.B.

Quei numeri glieli hanno dati gli italiani con il loro voto e - questo bisogna dirlo... - Veltroni con la sua forviante vocazione maggioritaria.

L'informazione dei giornali, diciamocelo, non conta. Come non conta quella su internet e i vari circuiti alternativi.

Quella che conta (e Mr. B lo sa) è solo quella televisiva. Quella che entra vuoi o non vuoi, magari anche quando sei distratto a fare altro... nelle case di ognuno di noi.
Informazione che, da sempre, ci racconta solo la "sua" realtà. Quella meno scomoda al Potere. E agli italiani sembra andare bene così.

Berlusconi è un sintomo non la malattia. Il male sta in mezzo a noi e forse è già in tutti noi.

Left©

enne ha detto...

Stavolta consentimi di spezzare un fiammifero a favore di B.
Non è vero che detiene il monopolio dell'informazione. Buona parte della stampa italiana è di De benedetti, e quella straniera orbita intorno a Murdoch, che non è esattamente un amico del cav.
Tuttavia il pesonaggio non è sobrio nè riservato, anche se gli avversari spesso riescono a raggiungerlo in una gara di squallore che fa vergogna.
Poi, e questa è una mia curiosità, vorrei sapere chi, CHI ha iniziato a parlare di impotenza presunta o vera, e di dimensioni.
Ho la spiacevolissima sensazione di vivere in un Paese in cui più spari merda, più sei apprezzato
Notte, Gians.

amatamari© ha detto...

Sottoscrivo tutto - e mi spiace per la scarsa dialettica che tale mia frase genera.
Yes, we are zoticons.
E non ci metto nemmeno la faccina ridente.

gians ha detto...

Arci caro, troviamo un compromesso, che nè pensi di indorare la pillola a tutte quelle brave persone di sinistra, che attendono un leader, come gli ebrei attendono ancora un messia? la verità non la ho di certo in tasca, ma mentre la sinistra continua a spararsi addosso, non è detto che ci si debba accontentare del meno peggio, tu, mi pari invece rassegnato. ;)

gians ha detto...

Left, l'informazione alternativa, e cioè quella che in piccolo si fa sui blog, ha davanti a se un bel futuro, almeno a vedere la qualità televisiva attuale, per il resto aspetto la risposta di Arci.

gians ha detto...

Cara Enne, non importa chi ha iniziato a parlare di impotenza vero o meno. Tutto questo nasce da una dichiarazione pubblica rilasciata da Veronica Lario, a cui pubblicamente il marito ha risposto, l'ho sempre detto, a me non importano le frequentazioni/abitudini sessuali di un settantenne, la domanda vera è e rimane la stessa: Il sig. B. ha dato o meno, posti di rilievo in parlamento in cambio di prestazioni sessuali?

gians ha detto...

Amatamari, ti invito a sorridere, sei sul mio/tuo spazio, e quì, tutto si affronta in questo modo. ;)

medita partenze ha detto...

oh, gli dicono mafioso e non si scompone, ma appena si mette in dubbio la virilità... secondo me lo fa perché sa benissimo che il maschio medio italiano non si scompone per la mafia, ma sghignazza per la mosceria :))

IL LAICISTA ha detto...

Scusami, ma non ce la faccio a parlare di B., mi sentirei come una persona che narrasse nei dettagli gli effetti di un terribile dissenteria.
Impossibile, almeno oggi.

Anonimo ha detto...

Le pentole a pressione a volte scoppiano ma succede sempre a quelle sbagliate.
Qui settembre è afoso.E da te?
Un saluto da Rossella.

Anonimo ha detto...

Le pentole a pressione a volte scoppiano ma succede sempre a quelle sbagliate.
Qui settembre è afoso.E da te?
Un saluto da Rossella.

Anonimo ha detto...

Le pentole a pressione a volte scoppiano ma succede sempre a quelle sbagliate.
Qui settembre è afoso.E da te?
Un saluto da Rossella.

gians ha detto...

mp bello, si credo che il B. sia profondamente complessato da prestazioni sessuali non soddisfacenti, ma a noi di questo non frega nulla. ;)

gians ha detto...

Il varo, potrei porgerti uno strappo di tenderly, ma questa cosa sarebbe troppo intima, non voglio forzarti. ;)

gians ha detto...

Rossella cara, la temperatura è alta, ma la moda vuole che si discuta non di quella reale, ma di quella percepita. Un'altro modo per rendere tutto soggettivo, esattamente come penso che sia. ;)

Lanza ha detto...

I giornali alle 11 sono buoni per avvolgerci il pesce,come si dice. E' la televisione che incide sulle abitudini della gente e anche sulla loro educazione.

egine ha detto...

ciao gians, avvisami quando stiamo affondando

enne ha detto...

E' quello che dicono, e che spesso ho insinuato anch'io, ma vorrei che non fosse vero.

rossoantico ha detto...

Caro Gians, ti cito Trilussa:

- Conterò poco, è vero:
- diceva l'Uno ar Zero -
ma tu che vali? Gnente: propio gnente.
Sia ne l'azzione come ner pensiero
rimani un coso voto e inconcrudente.
lo, invece, se me metto a capofila
de cinque zeri tale e quale a te,
lo sai quanto divento?
Centomila.
È questione de nummeri. A un dipresso
è quello che succede ar dittatore
che cresce de potenza e de valore
più so' li zeri che je vanno appresso.

Altre parole non servono.
Ciao.

Tess ha detto...

in compenso stamattina imperversava sulla sua rete ammiraglia. Ma agli italiani, si sa, piacciono da morire i suoi ciondoli :-P

Garbo ha detto...

Caro Gians,
Rossoantico si è appena espresso molto meglio di quanto potrei fare io e sono molto d'accordo con la sua indovinatissima citazione di Trilussa. Aggiungo solo che faziosità e zoticoneria spesso non sono in contrasto, anzi l'una completa molto bene l'altra. Trovo difficile pensare ad un fazioso che non sia anche zotico o ad uno zotico che non sia anche fazioso. La faziosità toglie eleganza e stile ad ogni conversazione e sfocia nella volgarità, nello stesso tempo uno zotico difficilmente riesce a comprendere il punto di vista altrui e a tenerne conto.
Ciao.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Come sostengo anch'io non si fanno le giuste domande perché nessuno ha il coraggio di farle e cmq lui non vi risponderebbe. Che bel quadro....

gians ha detto...

Egine caro, passo a prenderti con l'arca. ;)

gians ha detto...

Lanza, ma al momento possiamo aggrapparci solo a quei pochi quotidiani, che fanno ancora un minimo di inchieste.

gians ha detto...

Enne cara, staremo a vedere.

gians ha detto...

Claudio, questa è splendida calza a pennello. Bentornato. ;)

gians ha detto...

Tess, si oramai lui in Tv compare più di Mastrotta. ;)

gians ha detto...

Garbo, mi pare una giusta osservazione.

gians ha detto...

Daniele, più che quadro pare uno specchio. ;)

Espressione ha detto...

ma lui è un editore..
fà informazione su 3 televisioni...
ha le paranoie di paperon de paperoni,tipico di tutti i ricchi tirchi e pidocchi (nell'anima..) come lui.piccolo piccolo piccolo..
ciaux
eSp.

enne ha detto...

Mah, sinceramente spero di vedere cose belle, edificanti e pulite come questo vento di tramontana che sta spazzando l'umidità e l'eccesso di afa.
Buongiorno. :-)

Paolo Borrello ha detto...

Io credo che sempre di più Berlusconi abbia una faccia di culo che non conosce limiti. E la maggioranza degli italiani continuano, imperterriti, a credere in lui.
Ciao

Paolo Borrello ha detto...

Io credo che sempre di più Berlusconi abbia una faccia di culo che non conosce limiti. E la maggioranza degli italiani continuano, imperterriti, a credere in lui.
Ciao

Nardi ha detto...

Il ciondolo è un simbolo fallico decadente. Ho detto tutto.

gians ha detto...

Esp, una cosa è certa non deve raccogliere i giornali del giorno prima nel parco, questo, lo differenzia da paperone. ;)

gians ha detto...

Enne cara, speriamo ci scompigli per bene.

gians ha detto...

Paolo, questo è davvero inspiegabile.

gians ha detto...

Fra, quando sta sulla mezza sarebbe ora di starsene buoni. ;)

emma ha detto...

concordo con Paolo, ecco.
altro che membro.

Mk ha detto...

IL mio commento dopo aver letto della morte improvvisa di mike bongiorno:prima michael jackson , poi mike bongiorno...fusse che fusse la volta buona?:))))

gians ha detto...

Emma, anche io, non infervorarti. ;)

gians ha detto...

Moni cara, si vabbè stiamo a vedere.

Capa_stuerta ha detto...

Non ho letto gli altri commenti, ma "membro" mi pare una parola grossa. Ecco, "ciondolo" mi pare più plausibile.
Un bacio