giovedì 24 febbraio 2011

中华人民共和国,

















Con circa seimila esecuzioni all'anno su un totale di 1,341,900,000 abitanti, la Repubblica Popolare Cinese si conferma lo stato con il più alto numero di esecuzioni al mondo Nelle carceri laogai secondo molte fonti, vigerebbero condizioni di vita disumane al limite dello schiavismo e sarebbero applicati sistematicamente tortura e tecniche di lavaggio del cervello. Eppure al momento, nessuno stato occidentale si sognerebbe d'alzare la voce contro Hu Jintao. Nonostante questo anche li qualcosa si muove.

9 commenti:

Cami ha detto...

La Cina è un potere estremamente forte, e questo rende difficile per uno stato fare opposizione frontale, anche ammettendo che ne avessero gli attributi, cosa che in questi giorni stanno dimostrando di non avere. Certo, questo non vuol dire lasciare ai Cinesi l'impunità, anche considerando che più li lasci fare più capiscono di poter fare; vuole solo dire che se accolgono con simpatia uno qualunque dei buffoni mediorientali, nulla di meglio ci si può aspettare nei confronti della Cina. Questa prova di rivolta è ammirevole e io spero che riesca ad ottenere almeno poche riforme: ma già so che sarà difficile e che dovranno fare tutto da soli, perché la Comunità Internazionale rimarrà muta. Una cosa però la possiamo fare noi, e si tratta di non comprare, nei limiti del possibile perché un boicottaggio integrale è impossibile, il "fabbricato in Cina". Non solo nella maggior parte dei casi la qualità di questi oggetti è pessima, ma più compriamo più accresciamo la potenza economica di questo paese. E ovviamente è giusto continuare a parlarne come fai tu: grazie per aver ricordato quante persone vengono uccise ogni anno e per motivi anche futili. Se vuoi posto un link dell'associazione Italia-Tibet che promuoveva una raccolta di firme per salvare alcuni prigionieri politici condannati a morte. Forse delle campagne sul modello di Sakineh con un bel martellamento mediatico sarebbero utili.

(Se divento una macchietta con le mie lettere e i miei propositi di boicottaggio, dimmelo francamente. Io ci credo in quello che dico, ma perché passi il messaggio a più ampi strati non devo sembrare una pazza invasata che gioca a fare l'alternativa o la naive. A boicottare la Cina comunque ci sto provando seriamente.)

Tess ha detto...

mi pare che a parte gli americani, nemmeno contro Gheddafi nessuno aveva alzato la voce(anche se nessuno era riuscito a slinguettargli la mano come il Nostro) prima che cominciasse il genocidio

Anonimo ha detto...

Scusa, ma 1,341,900,000 che cosa sono?

Gians ha detto...

Cami, mi lasci un commento che di certo dovrò rileggere con più calma e attenzione, mi viene in mente così a naso che i piccoli boicottaggi di certo non faranno la rivoluzione, ma di certo danno un segnale. Quindi bene per l'impegno che ci metti.

Gians ha detto...

Tess, la storia è noiosa, sin dai tempi di Boggino e ancora molto prima si ripete sempre uguale.

Gians ha detto...

Anonimo, errore imperdonabile il mio, ho corretto spero esaustivamente. Grazie.

Cami ha detto...

La Cina abolisce la pena di morte per alcuni reati minori e per gli uomini con più di 75 anni. Notizia arrivatami via twitter da Internazionale Porti culo, Gians?

Anonimo ha detto...

grazie per il link, che non conoscevo
adesso vado da Sagredo e gli faccio un culo così con il multiculturalismo

Tito Boeri per tutti!!!
WW

Gians ha detto...

Ww, nonostante il tuo bellicoso intento, oramai non posso farci nulla, mi scusi Sagredo se ho fornito armamenti pesanti contro di lui, ma non conosco la discussione.