domenica 14 novembre 2010

Miserabilmente mafiosi




Lo ammetto, ero quasi assillato in questi giorni che si parla tanto di Saviano, dal pensiero di non aver visto al cinema Gomorra. Ho rimediato con colpevole ritardo, durante questa pausa forzata da internet -vedi guai con tiscali adsl- vedendolo a casa. Del film mi ha frastornato la complessiva bruttezza fisica dei personaggi e dei luoghi, è come se tanto sparacchiare da parte dei tirapiedi dei boss, il tanto acido per sciogliere i cadaveri, la spazzatura come business e l'enorme mole di soldi procurata, piuttosto che rendere migliore il quadro, questa cornice lo imbruttisca e di tanto. Il contrasto tra ricchezza e "povertà" sta tutta nelle mani di una volgarità umana composta da camorristi e mafiosi. Ma si saranno mai visti allo specchio questi cosiddetti Capi dei Capi, loro che credono nei miracoli e hanno nelle loro tane le immaginette dei santi? non credo; se lo facessero la loro miserabile vita finirebbe.

22 commenti:

Barnaba ha detto...

Sì, i gomorroidi sono brutti. E' vero.

ilMaLe ha detto...

Il film, come il libro, è un bel pugno nello stomaco. Dalla strage al centro relax all'indottrinamento dei bambini alla guerra tra clan. Un'opera da consigliare, aldilà delle mitizzazioni eccessive dell'autore.

wildestwoman ha detto...

non ho letto il libro
non ho visto il film
è una scelta ben precisa: rifuggo dai successi commerciali
aspetterò che non se ne parli più, e poi rimedierò
del resto di mafia si legge sui giornali
e io, che vivo al Nord, so bene che non esiste luogo in cui non ci siano affari coi soldi della mafia, specie dove, come qui, gli affari sono un credo quotidiano
ciao Gians

flyhigh ha detto...

anch'io non ho visto il film e ne' ho letto il libro, perche'come Ww quando se ne parla troppo perdo la curiosita', sicuramente sbaglio ma sono fatta cosi'...

Gians ha detto...

Barnaba, roba peggiore delle emorroidi.

Gians ha detto...

Leo, ho voluto vederlo diciamo a sangue proprio per allontanarmi dall'enfasi iniziale, tuttavia il messaggio a me pare abbastanza chiaro: le mafie non hanno il senso della bellezza.

Gians ha detto...

Ww, ma come tu non fai parte di quella borghesia nordista convinta che la mafia sia relegato solo sotto l'equatore? sai d'essere una mosca bianca vero?

Gians ha detto...

Fly, a giudicare dai commenti mi si insinua il sospetto che il successo al box office di questo film, sia del tutto fittizio.

wildestwoman ha detto...

gians...con l'expo e le discariche qui è venuto a galla un marciume inaudito
i figli dei vecchi boss, quelli brutti, ora sono avvocati, professionisti, che si sono ripuliti esternamente, si presentano bene, hanno studiato, ma continuano il lavoro dei padri...
http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/10_gennaio_22/mafia-prefetto-reazioni-moratti-lumia-sos-racket-usura-1602331432376.shtml

Gians ha detto...

Ww, quando questi mescolano lo fanno sapendo con chi farlo: l'abito firmato non inganna chi ostinatamente crede nella legalità. Per questo credo che la mafia non abbia patria, e come tale non deve essere circoscritta al solo sud.

AlterEgo ha detto...

attori comunque bravissimi tanto da sembrare o, in qualche caso, essere veri...

Tess ha detto...

quelli veri sono ancora più brutti

Gians ha detto...

Alter, sei un fine e attento cinefilo, in effetti qualche interprete pareva fin troppo vero.

Gians ha detto...

Tess, mamma che paura, non vorrei mai incontrarne uno, non almeno con la mia "penna" tra le mani.

nicbellavita ha detto...

Penso che si guardino eccome, allo specchio, ma si vedono e continueranno a vedersi belli, buoni e magari anche giusti.
Visto il film all'uscita, quando ero più assidua. Quando si accesero le luci avevo deciso di emigrare.
Un abbraccio, Gians.

nicbellavita ha detto...

Se un giorno dovessi battere la testa e decidere di fare un salto su faccialibro, ricordati di farmi un fischio. :)

Arci ha detto...

la bruttezza degli attori è una scelta del regista. La bruttezza dei luoghi è colpa degli amministratori. Negli ultimi 17 anni post-comunisti.

sam ha detto...

La bruttezza è indubbiamente uno degli ingredienti del film. E direi la bruttezza umana in generale, non solo fisica.
Però Gians, ho da farti una piccola confessione: a me, uno dei due giovani camorristi - quelli della celebre scena che sparano - non mi spiace per nulla!

sam ha detto...

Sugli attori: molti sono stati in effetti presi dalla strada. Alcuni sono stati arrestati perché veri camorristi.

sam ha detto...

Dimenticavo il link:
http://www.unita.it/index.php?section=news&idNotizia=74812

Gians ha detto...

Arci, tutti ma proprio tutti post-comunisti? :)

Gians ha detto...

Sam, mi piace che tu riesca a cogliere qualcosa di bello anche nella totale bruttezza. :)

ps, grazie per il link.