martedì 26 ottobre 2010

Sulle esecuzioni capitali-ste




Se Tareq Aziz morirà impiccato, per gli americani e Obama sarà una clamorosa sconfitta politica: Bush per esempio avrebbe preferito la sedia elettrica. Fonti vicine all' ex presidente riferiscono di un cow boy amareggiato: "è molto giù, come quando seppe che gli iracheni non sono presbiteriani". Negli ambienti integralisti, molto attenti ai valori tradizionali americani, si fa comunque notare che l'impiccagione è parte integrante della grande colonizzazione e dunque è una soluzione più che accettabile. Negli ambienti ultraconservatori si è però aperto un aspro dibattito sui requisiti di Tareq : "Un arabo non è un negro, anche se può sembrarlo", ha dichiarato il reverendo Robb figlio di un pastore dell'attuale congregazione del Ku Klux Klan attiva nel Tennesse e autore di un emendamento umanitario che cerca finalmente di dare regole al linciaggio, legalizzandolo. Obama da parte sua, in forte apprensione per il calo del consenso sulla sua presidenza, proporrà di incappucciare con la toga del Ku Klux Klan il vecchio Aziz, e affidarlo alle cure del suo elettorato.

11 commenti:

AlterEgo ha detto...

forte, complimenti.

wildestwoman ha detto...

nessuno tocchi caino

sta lì (caino), a ricordarci che nessuno è immune da colpe

Gians ha detto...

Alter, grazie sei gentile, tuttavia contravvenendo alla tradizione di questo "spazio", ecco una notizia vera. Ronald Reagan, nel primo storico incontro con Gorbaciov, gli chiese: "Ma in caso di invasione aliena, voi russi con chi stareste?". Gorbaciov si mise a ridere. Non capì che non era una battuta. Reagan è morto convinto che plutoniani e comunisti stavano tramando per distruggere la Terra. E ancora non si era accorto degli arabi.

Gians ha detto...

Ww, naturalmente nella mia parodia non esprimo alcun giudizio sulla "bontà" o "viltà" riguardo l'esecuzione capitale del vecchio tiranno: diciamo che non sono abbastanza maturo per sentenziare alcunchè. Insomma in tema di pena di morte qualche idea l'avrei, ma sarebbe troppo soggettiva e imparziale a seconda dai casi.

Mk ha detto...

Eppure era il volto umano del regime....Merita di morire di vecchiaia.In prigione...:))))

Gians ha detto...

Moni, che bello ritrovarti tra queste sperdute pagine. Su quanto sia stato umano io non saprei dire: una cosa è certa, fossi parente di una delle sue vittime avrai qualche dubbio, su quanto Caino debba, o non, essere giustiziato.

Mk ha detto...

Gians...ti ho risposto da me :))A proposito del ritrovarmi.Per il resto non so se sia giusto condannarlo a morte.Mi chiedo se sia vera giustizia .IN fondo chi ci dice che dopo la morte avrà la giusta punizione?Se non sia meglio tenerlo in vita facendogli espiare le proprie colpe in maniera differente?Non lo so, Gians.A chest'ora nun saccio nient!:)))Buonanotte:)

Tess ha detto...

per quello che ha fatto in Iraq, pure Bush dovrebbe penzolare al cappio. Io comunque sono per il fine-pena-mai

Gians ha detto...

Moni, ieri sono crollato, ora mi riprendo. :)

Gians ha detto...

Tess, concordo.

ilMaLe ha detto...

Ennesima dimostrazione che la guerra in Iraq è stata un crimine e che l'esportazione di democrazia, oltre che una scusa stupida, è inadatta e la storia l'ha sempre castigata.