domenica 14 settembre 2008

"Squola"




Ero pronto a scrivere di sensazioni e ricordi legati a profumi di sugo provenienti dalla cucina e rumori di coltelli pesanti che tagliavano la carne. Di Domeniche dedicate al riposo, dove la delicatezza di una madre, pur di non svegliarmi, badava bene a non sbattere la scopa mentre spazzava i pavimenti. La sveglia della Domenica era per le dieci, subito dopo la colazione, la doccia e il vestito buono per la messa. A mezzogiorno il rientro a casa scandito dal solito "che Dio sia lodato" (obbligatorio in casa mia, a rischio vi erano i miei ravioli fumanti con abbondante parmigiano) con annesso " sempre sia lodato" . Mia madre, nonostante quanto detto, non era una fervente cattolica, e in chiesa posso contare le volte che l'ho vista assieme a me. Una per il battesimo, (immagino) una per comunione e cresima, e di questo ne sono certo. Lei era cattolica questo si, ma probabilmente era la liturgia a tenerla lontana dalla chiesa, per lei prima di tutto veniva la famiglia e l'educazione. Chissà come avrebbe visto le nuove riforme sulla scuola, lei che faceva tutto questo per mandarmi il Lunedì, con il fiocco impeccabile e il grembiule stirato con amabile cura. Mi chiedo se lei, che aveva una spiccata ironia e la risposta brillante sempre sulla punta della lingua, non avesse avuto qualcosa da obiettare. Di una cosa sono certo, questo commento di Michele Serra, un sorriso e una risata gliela avrebbero strappata.

Grembiule
Il grembiule sarà a vita bassa, da indossare rimboccato sul culo e con le mutande firmate ben visibili, perché sia chiaro che il ritorno ai sani costumi di una volta non deve penalizzare l'economia nazionale. Azzurro per i maschietti, nero per le femminucce, dovrà essere indossato fino al giorno della tesi, con il fiocco bene annodato e il cestino della merenda sempre a portata di mano. Anche le università dovranno dotarsi di un'altalena in cortile per la ricreazione

45 commenti:

Tess ha detto...

un po' come le mie domeniche caro gians.
Michele Serra è un grande

medita partenze ha detto...

eh, le mamme, quanto mancano,
odori sapori sensazioni di domeniche inondate di sole e che se uno potesse godersele invece di fare l'adolescente inquieto... vabbè, passiamo ai grembiuli: Serra non ha fatto una battuta, ha descritto ciò che avviene: non basta certo mettere un sassolino nel fiume per fermare l'acqua!

ciao Giansok :))

Mario DG ha detto...

:-)
A volte una parola in più è ben detto. Splendido quadretto di vita famigliare. Ciao
Mario

gians ha detto...

tess cara, sai che solo a distanza di qualche anno riesco a realizzare? forse ho passato questo periodo anestetizzato. ma oggi, era questa la sensazione, non un vuoto o una mancanza, solo una presa di coscienza. michele serra per me, è un esempio di giornalismo sano e ironico, da lui tutti dovrebbero imparare tanto.

gians ha detto...

mp bello, anche io quando potevo godermelo facevo il ragazzino scellerato, ma se così non fosse stato magari lei si sarebbe preoccupata. :)) tornado alla considerazione di serra, questa è solo una piccola parte di una ben più ampia ed esilarante nella sua realtà. :)

esco ha detto...

belle le domeniche di una volta, così come le mamme di una volta! altri tempi, altri profumi, sapori, ritmi. ora tutto ha un altro valore, vita bassa, direi, come i grembiuli di michele serra! non mi parlare però di grembiuli stirati con amabile cura! ho già dato, stamattina presto...domani si comincia, finalmente!
ciao giansolì.
ma cuncetta?

gians ha detto...

grazie mario bello, questa era una situazione che condividevo con altri amici. stessa ritualità, e se per caso mi capitava d'entrare dopo la messa a casa di qualcuno di loro, il "dio sia lodato" era dovuto. a volte mi chiedo se non sia nato in una comunità di fondamentalisti cattolici. :)

gians ha detto...

esco cara, "vita bassa" è di certo il fulcro del tema, vita non intesa come parte del corpo, e bassa intesa come livello. :)

ilMaLe ha detto...

Serra è un grande. Mi prenoto per il giro in altalena in università.
Che tempi...

Ma.Le.

gians ha detto...

leo caro, magari si arriva anche a questo, non mettiamo freni alla "provvidenza" un governo come questo dovrà pur appigliarsi a qualcosa.

Monica ha detto...

Belle queste "rimembranze".La vita era pi� semplice.Sapori,profumi tutto parlava di vita familiare intima,semplice,che scorreva su binari tranquilli,uguali a se stessi.le mamme in casa che preparavano sempre qualcosa di sano,porgevano l'orecchio ai nostri sfoghi,i fratelli con cui giocare e litigare.E tutto sotto casa,il quartiere come una famiglia allargata dove anche se scendevi da sola c'era sempre il negoziante sotto casa che ti teneva d'occhio e tu ti sentivi"grande".Ora tutto ci� non esiste quasi pi�.I quartieri inglobati e devastati da un degrado senza fine:non li riconosci pi�.Le mamme scappano di casa per lavorare e i figlia sono parcheggiati a scuola a tempo pieno.Li vedi per portarli a fare sport cena buonanotte.Una catena dii montaggio che non lascia pi� spazio a quelle piccole quotidianit� che ci hanno fatto crescere.Solo la domenica ,forse.E dunque � anacronistica tutta questa restaurazione.Perch� la societ� non � quella di ieri.Noi,i nostri figli, non siamo quelli di ieri.E l'orologio della storia non si pu� portare indietro.
Scusa la lungaggine.:)
Abbraccio
mk

impollinaire ha detto...

ciao gians, bel racconto, davvero, a me la memoria dà i brividini, anche quella degli altri, sul grembiule come sai non sono d'accordo, sull'intimo sì però

rip ha detto...

Sarò un insensibile, ma a me la scuola non manca proprio per niente.

rip ha detto...

E all'università l'altalena c'era, non troppo lontano :-D

Efesto ha detto...

a me è toccata la divisa delle suore: prima la scamiciata a quadrettini piccoli bianchi e neri con degi enormi bottoni sul davanti. Poi si è passati alla gonna blu, camicia bianca e golfino blu. Allora sono cominciati i problemi: qualcuna aveva la gonna griffata! In terza media riuscimmo a spuntare i jeans blu scuri al posto della gonna, ma quando mi presentai con gli stivaletti bianchi con le borchie sopra i jeans mi mandarono dalla madre superiora :)

NicPic ha detto...

eppure eppure...a me l'idea del ritorno al grembiulino non dispiace affatto, proprio per evitare che i ragazzini comincino a confrontare etichette e marche già aall'età di sei anni
ciao giansolino

gians ha detto...

moni cara, e non è nemmeno giusto portarlo indietro, non dico nemmeno quanto noi eravamo bravi e fortunati più delle attuali generazioni, prendo semplicemente atto di quanto ho sotto gli occhi ogni giorno. una sola considerazione però mi salta agli occhi, se è vero perchè è vero, che in ragazzi passano tutto il loro tempo a scuola o fare sport come è possibile che siano agli ultimi posti in europa in entrambe le "discipline" ? :)

gians ha detto...

imp caro, allora facciamo intimo azzurro per i maschietti (consiglio mutande alla omer della mamabù) e alle femmine il nero che attizza sempre. :))

gians ha detto...

rip caro, vedo che all'università ti sei dato da fare, ma dimmi ora ti sei messo in proprio con una tua altalena? :)

gians ha detto...

efesto bella, ho sempre pensato che le suore abbiano bisogno di un buon stilista, potrebbero provare con D&G. :)

gians ha detto...

nic bello, bentornato, ma vedi del grembiule in realtà si era già parlato su questo blog, è la riforma nel suo complesso che non mi convince, maestri unici e tagli indiscriminati per esempio.

medita partenze ha detto...

gli è che sono dettagli (il grembiule, dico) che servono a fare fumaglia per nascondere i guai e il fatto che le risorse non si vedono!

Espressione ha detto...

grembiule di jeans firmato Cavalli,NO?
io avevo il fiocco bianco a pois celesti ed il fiocco celeste a pois bianchi.
mia morosa si chiamava Monica ed a ricreazione ballavamo insieme i valzer di Strauss,che suor Dentona metteva sulla phono-valigia.
bei tempi....
eSp.

manonthemoon ha detto...

Proporrei anche dei bavaglini per gli studenti che nelle università andranno a mensa, ed inoltre degli enormi cappelli con enormissimissimi orecchi da asino per chi farà il birbo ed il bullo con gli altri compagni di corso!

manonthemoon ha detto...

Ah se vuoi passa pure nel mio nuovo blog http://andreaelpablo.splinder.com! se vuoi si fa anche uno scambio di link, fammi sapere!

esco ha detto...

ciao gians. stamattina, a scuola, tutti i bimbi hanno seguito le indicazioni di serra!
eheh.
ciao e buona notte!

gians ha detto...

mp bello, sono al rientro da una festa che neanche a dirlo prevedeva una altissima concentrazione di docenti. sarà il fatto che tutti quelli incontrati hanno ben in pugno il oro contratto a tempo indeterminato, sarà che sono navigati, ma tutti sono concordi con questa riforma. io da esterno ho potuto notare questa analogia, e anche l'assoluta concordia che i genitori dell'ultima generazione non siano capaci.

gians ha detto...

esp bello, fantastici ricordi, la mia ragazza del periodo si chiamava margherita, non ti immagini le prese per il culo dei miei compagni con la canzone di cocciante. :) siamo pari. :)

gians ha detto...

manonthemoon, scusa magari ho scritto male il tuo nome, una visita la faccio di sicuro. benvenuto/a

gians ha detto...

esco bella, non dirmi che stavano tutti con la mutanda di fuori? e che cavolo, io pensavo fosse la moda dello scorso anno. notte cara. :)

alcmena ha detto...

Anche le mie domeniche erano simili, ma con meno Dio. Mia madre andava alla messa delle 7 di mattina,poi partiva con il sugo borbonico.
Per il resto, non è che si pregasse,nonostante i rimbrotti di mia nonna.
E qui viene il bello: Efesto, sono stata dalle suore anch'io. :(

Monica ha detto...

Gians splendido...non eravamo nè più bravi nè più fortunati.Eravamo semplicemente in un'altra epoca.Decisamente differente.Con unica aspettativa quella del diploma o della laurea.Lo studio era visto come un'elevazione sociale.Ora l'elevazione è quella di diventare velina o al massimo star di saranno famosi.E...siamo ultimi?sì perché è proprio quello il punto:scuola e sport = parcheggio per pargoli e giovani annoiati dal tanto troppo benessere materiale e con poca o niente presenza dei genitori,spesso separati e troppo presi dal lavoro e dalle vicende personali da nno accorgersi dei segnali dei propri figli.
vabbuò.
Vista l'ora :)ti lascio la buona giornata:):
MK

medita partenze ha detto...

beh, come ti è andato il primo giorno di scuola? non mi dire che ti sei già macchiato il grembiule!!
ehehehe :))

impollinaire ha detto...

oh sì il nero gians, ma io sono ancora più pervertito e amo anche il bianco, che fa tanto candore da profanare

emma ha detto...

ho letto solo ora, in questi giorni sono più assente, causa lavoro pressante e vita familiare leggermente ingombrante, ma mi piace leggere queste pagine tue, giansolino, dei tuoi ricordi, delle cose andate col sapore di allora con la bocca di oggi, ecco.
certe cose non dovremmo mai smettere di farle: ricordare ma scrivere con la penna appena comprata, che le penne di ieri spesso sbrodolano e ci perdiamo l'inchiostro della vita.

Monica ha detto...

Sono d'accordo con la riforma,dici?Quelli di ruolo,intendo.Certo.Ti risponderò con una frase del grande Totò:
"La casta è casta e và sì rispettata."Loro mirano all'aumento di stipendio ventilato.Sulla pelle nostra.Vorrei sapere quanti di loro hanno fatto 10 e 20 anni di precariato.L'inferno continuo a cui ci sottopongono,il gioco sporco dei dirigenti che mettono come sedi disponibili prima quelle più disagiate e chi ha punti meno di te prende un incarico sotto casa .Vabbuò.E che parlamm a ffà,Gians.
Cià:)
mk

gians ha detto...

moni cara, è quello che penso anche io, ma se l'avessi detto, probabilmente oggi non sarei qui a scrivere, mi avrebbero linciato, troppo comoda la loro posizione. per quanto riguarda le nuove generazioni si potrebbe parlarne a lungo senza mai trovare un punto, o arrivare ad una conclusione.

gians ha detto...

alcmena cara, se avessero tentato di mandarmi dai frati, tutta l'acqua santa a loro disposizione non sarebbe bastata a redimermi. :)

gians ha detto...

mp caro, dovresti vedere le mie nuove compagnette, uno spettacolo. :)

gians ha detto...

imp caro, lo sapevo io che sei un poeta dell'intimo! ;)

gians ha detto...

grazie emma cara, scrivere di ricordi porta spesso ad autocommiserasi, cosa a cui sto in genere molto attento a non commettere. quindi dici bene, si deve usare la penna giusta, anche se pare che la gelmini sia determinata a introdurre nuovamente il pennino e il calamaio. :)

Efesto ha detto...

Alcmena, che danni che hanno fatto 'ste suore ....
Gians, scusa, ho preso in prestito il tuo blog: spero non ti dispiaccia troppo ;)

Asì ha detto...

ciao GIANS, tua madre mi fa venire molta nostalgia.IO mi sono sempre battuto affinché la domenica rimanesse quel giorno che tu hai descritto,ma purtroppo a molte famiglie glie la fottuto il consumismo...

Capa_stuerta ha detto...

Te lo dico, mentre leggevo ho sentito davvero l'odore del ragù (mio non è di certo...mi accerterò dalla mia vicina) ;)

Per come ha ridotto l'Università la riforma Moratti, ci manca solo l'altalena (1 ora, 5 crediti).

Un bacio valà!

ilMaLe ha detto...

Ho sentito pure le offese di Emilio Fede alle insegnanti che hanno voluto mostrare un dissenso verso questo governo.